SMS e ortografia: convivenza possibile

xk√® 6 ūüôĀ ? ¬† ¬† ¬†Ke fai? ¬†¬†Tvttb ¬† ¬†C ved qnd vuoi dom pom

Scrivere cos√¨ negli SMS non peggiora l’ortografia degli adolescenti. A sostenerlo sono¬†i ricercatori del Centre¬†de Recherche sur la Cognition et l’Apprentissage (CNRS,Universit√© de Poitiers,Universit√© Fran√ßois-Rabelais Tours). Perci√≤ stiano tranquilli insegnanti e genitori, che vedono nel linguaggio degli SMS un nemico pericolosissimo per l’ortografia. Quando ci si allontana dalla tastiera dello smarpthone, dopo aver usato le abbreviazioni, chi scrive correttamente, continua a farlo.¬†E’ l’ortografia tradizionale a influire sulla scrittura degli SMS e non viceversa.¬†I dettagli della ricerca si possono leggere¬†qui.

Per chi vuole collocare nella giusta dimensione il fenomeno delle abbreviazioni nella scrittura,¬†c’√® un articolo molto interessante su Treccani.it, “Il linguaggio degli SMS” di Giuseppe Antonelli, che ne traccia la storia, a partire dalla lingua latina.¬†

 

 

Notepad: Note l!st, nuova app per prendere appunti su Android

See on Scoop.itdidattica 2.0

Tutto Android
Notepad: Note l!st, nuova app per prendere appunti su Android
Tutto Android
Ogni volta che parliamo di un’applicazione per prendere appunti non possiamo fare a meno di citare il noto titolo lanciato da Google.

Isabella‘s insight:

E ricordiamo ancora Evernote, Quip e Simplenote (per Android e Ipad) per prendere appunti, organizzarli e condividerli:

https://evernote.com/intl/it/

https://quip.com/

http://simplenote.com/

See on www.tuttoandroid.net

Torna #TwitterFiction e la letteratura è in 140 caratteri con Cesare Pavese

See on Scoop.itdidattica 2.0

Waiting for #TwitterFiction/Pavese http://t.co/qODwFCoU3j Are you ready? ‚ÄĒ Cesare Pavese (@PaveseCesare) 10 Marzo 2014 Immaginate un’enorme piazza virtuale che, all’improvviso, si mette a parlare di letteratura. Un sogno? No, perch√© domani torna il¬†#TwitterFiction Festival,¬†evento di digital…

Isabella‘s insight:

Un evento per riflettere su Twitter e proporre qualche attività agli studenti.

Al link  si può vedere cosa fanno in Francia già da qualche anno

http://www.twittclasses.fr/

See on seigradi.corriere.it

App: croce e delizia

Le app e gli italiani: è scoppiato l’amore.  Nell’ultimo anno ne abbiamo scaricate 1,2 miliardi.  Il mercato è cresciuto del 120%.

Perch√© andare sul sito di un quotidiano, quando possiamo scaricarne l’app? Pi√Ļ semplice, pi√Ļ comodo, a volte pi√Ļ costoso, quando le app sono a pagamento. Ma possiamo sempre scegliere app free o no. Lo sappiamo. Ma siamo altrettanto informati e, soprattutto, consapevoli, quando clicchiamo “Scarica”, “Accetta”? Ma quali condizioni accettiamo? Cosa pu√≤ fare l’app con le nostre foto, i nostri indirizzi, i nostri documenti? Un‚Äôapplicazione pu√≤ includere una¬†library¬†di una azienda esterna, che inserisce pubblicit√† (quelle che ci appaiono quando usiamo le app), ma potrebbe, nella peggiore delle ipotesi, anche accedere e raccogliere i nostri dati.

I servizi che possiamo avere, valgono i nostri dati? Perch√© noi ‚Äúpaghiamo‚ÄĚ le app anche se sono gratuite: le paghiamo non con il denaro, ma con le nostre informazioni. Diciamo dove siamo (con la geolocalizzazione nello smartphone), cosa abbiamo mangiato (con la nostra recensione su Tripadvisor), cosa stiamo leggendo (con il libro scaricato) e cosa abbiamo comprato su Amazon. E questi dati, alcuni dei quali, magari per noi, insignificanti, sono analizzati dalle aziende per offrire prodotti personalizzati e vendere di pi√Ļ.

I problemi, quindi,  riguardano la nostra privacy da una parte, e dall’altra la pubblicità, che ci può indurre a fare acquisti. E infatti l’Europa è intervenuta proprio in queste due direzioni.

Le Autorità per la Privacy europee, già lo scorso anno, avevano invitato sviluppatori, produttori dei sistemi operativi e distributori a lavorare insieme per garantire la protezione dei dati personali degli utenti, puntando sul consenso informato e su un sistema di regole, il cui rispetto deve essere prolungato nel tempo.

E l’Europa √® intervenuta un mese fa, aprendo un‚Äôinchiesta sugli acquisti nelle app, che, pubblicizzati inizialmente come gratuiti, si dimostrano poi essere a pagamento.

E quindi cosa fare? Dobbiamo dire addio alle app? Forse non è la soluzione giusta. Ma dobbiamo usarle in modo responsabile e soprattutto prestare attenzione quando a scaricarle sono bambini o adolescenti.

Qualche suggerimento per giudicare l’affidabilit√† di un’app: leggere i giudizi di chi l‚Äôha gi√† scaricata pu√≤ essere utile per vedere se qualcuno segnala la presenza eccessiva di pubblicit√† o la necessit√† di effettuare l‚Äôupgrade per poter usare al meglio l‚Äôapp; inoltre rivolgersi sempre agli store, che garantiscono per la professionalit√† degli sviluppatori.